Player Profile

Federico Colombo

Nazionalità :ITA
Data di nascita :6/12/1987
Professionista dal :2008

E’ nato a Giussano il 6 dicembre 1987 ed è cresciuto golfisticamente al Golf Club Brianza. Ha frequentato il Politecnico di Milano e ha iniziato a giocare a golf a nove anni. E’ stato a lungo una delle colonne portanti della Nazionale azzurra con la quale ha vinto i Campionati Europei Boys nel 2003. Ha conquistato i titoli tricolori Cadetti (2003), Ragazzi (2005) e Juniores (2007). Nel 2007 si è classificato secondo nel Campionato Nazionale Omnium alle spalle del professionista Marco Soffietti. E’ passato di categoria alla fine del2008 e ha preso la ‘carta’ per l’European Tour con il 29° posto alla Qualifying School.

2009: inizia l’attività nell’European Tour, dove supera il taglio solo nel’Estoril Open de Portugal (72°) e da maggio prosegue nel Challenge Tour offrendo la migliore prestazione nell’Open Grand Toulouse, terminando terzo. Va a premio nove volte con 23° posto nell’Ecco Tour Championship, 25° nell’Italian Federation Cup, 36° nel Dutch Future e 38° nel Credit Suisse Challenge. Con la 67ª piazza nell’ordine di merito mantiene la ‘carta’ per il secondo circuito continentale. Fuori tour: 4° nel Campionato Open, 12° nel Campionato PGAI

2010: migliora sensibilmente il rendimento del brianzolo che si classifica secondo nel Kazakhstan Open, nono nell’English Challenge, 13° nel Wales Challenge, 20° nell’European Strasbourg,  30° nella Russian Challenge Cup e 33° nell’Apulia San Domenico Grand Final, dove non riesce a fare il salto nel circuito superiore. E’ 30° nell’ordine di merito. Fuori tour: è secondo nel Campionato PGAI dopo playoff con Lorenzo Gagli, e 21° nel Campionato Open

2011: nell’ottima stagione manca solo il successo, ma con otto piazzamenti tra i top ten entra a vele spiegate nell’European Tour con la settima piazza nella money list. E’ quarto nel Madeira Island Open e nel Credit Suisse Challenge, quinto nello Scottish Challenge, sesto nel Kenya Open e nel Mugello Tuscany Open, settimo nel Roma Golf Open, ottavo nell’Open de Lyon, nono nel The Princess. Completa l’annata con l’11° posto nell’Apulia San Domenico Grand Final. Da ricordare anche il 17° nel St. Omer Open, il 21° nel Challenge de France, il 25° nel Telenet Trophy e nel Rolex Trophy. A fine stagione è 13° nel Campionato Open

2012: gioca nell’European Tour, ma non è una un’annata fortunata. Disputa 27 gare, va a premio solo otto volte e non riesce a mantenere la ‘carta’ che poi non riprende neanche alla Qualifying School. Miglior risultato stagionale il 18° posto nel Wales Open, quindi il 27° nel BMW Pga Championship, il 36° nel St. Omer Open, il 46° nel KLM Open, il 61° nell’Open de France, il 64° nel BMW International Open, il 69° nel Perth International e l’81° nel Dubai Desert Classic.

2013: in una stagione poco propizia supera pochi tagli nel Challenge Tour. La sua miglior prestazione la offre nel Montecchia Golf Open (7°), poi termina 41° nell’Open Blue Green Cotes d’Armor Bretagne, 48° nel Guajarat Kensville Challenge e 60° nel Barclays Kenya Open. Prova a riprendere la ‘carta’ europea alla Qualifying School, ma esce nello Stage 1. Chiude l’anno con il 15° posto nel Campionato Nazionale Open.

2014: inizia l’anno con cinque tornei dell’Alps Tour, poi ne seguono altri nove nel Challenge Tour e supera un solo taglio (56° nel Norvegian Challenge). Alla Qualifying School dell’European Tour si ferma allo Stage 1 e successivamente non riesce ad ottenere la ‘carta’ per l’Alps Tour. Nelle ultime tre gare le cose vanno decisamente meglio. Dopo un 45° posto nell’Abruzzo Open (Alps Tour) si classifica 13° nel Campionato PGAI e quarto nel Campionato Nazionale Open.

Nel 2015: partecipa a diciassette gare dell’Alps Tour con cinque tagli superati: 28° nell’Open International de Marcilly, 31° nel Dreamland Pyramids Open, 35° nel Memorial G. Bordoni, 40° nel Citadelle Trophy e 50° nell’Alps Tour Mont Garni. Riconquista la ‘carta’ perduta (76° nella money list) terminando 19° nella Qualifying School. Prende parte anche a quella dell’European Tour e si ferma allo Stage1. Conclude la stagione con un buon ottavo posto nel Campionato PGAI. E’ 38° nell’ordine di merito italiano.

Inizia bene il 2016 nell’Alps Tour con buone prestazione nelle tre gare in Egitto: è sesto nel Dreamland Pyramids Open, 18° nel Red Sea Little Venice Open e 20° nell’Ein Bay Open. Disputa la quarta gara stagione sull’Italian Pro Tour (43° nel Campionato Nazionale Open), poi arriva un inatteso lungo black out. Gioca dodici gare consecutive, otto nell’Alps Tour e quattro nel Challenge Tour, senza superare il taglio. Finisce comunque l’anno andando a premio nell’Abruzzo Open (38°) e con un bel settimo posto nel Campionato PGAI (Italian Pro Tour). E’ 63° nell’ordine di merito dell’Alps Tour, 32° in quello italiano e 15° nella money list dell’Italian Pro Tour. Prova a prendere la ‘carta’ per l’European Tour, ma esce nello Stage 1 della Qualifying School.

AUTORE BIO: Nicola Montanaro

  • Position
  • Games Played
  • Minutes Played
  • Starts
  • Substitution On
  • Substitution Off
  • 64Passes
  • 78.8%Passing Accuracy
  • 87%Passing Accuracy opp. Half
  • 15Duels Won
  • 22Duels Lost
  • 36%Duels Won (%)
  • 7Aerial Duels Won
  • 6Aerial Duels Lost
  • 51%Aerial Duels Won (%)
  • 7Recoveries
  • 1Tackles Won
  • 0Tackles Lost
  • 100%Tackles Won (%)
  • 5Clearances
  • 3Blocks
  • 1Interceptions
  • 3Penalties Conceded
  • 2Fouls Won
  • 1Fouls Conceded
  • 1Yellow Cards
  • 1Red Cards
  • 3Goals
  • 0Penalty Goals
  • 230Minutes Per Goal
  • 5Total Shots On Target
  • 3Total Shots Off Target
  • 45.6%Shooting Accuracy
  • 3Successful Crosses
  • 2Unsuccessful Crosses
  • 66.8%Successful Crosses (%)
  • 0Assists
  • 4Chances Created
  • 1Penalties Won
  • 3Offsides